Archive for agosto 2009

Aversa e le strisce blu volute dal Sindaco Ciaramella.

agosto 30, 2009

Giuseppe Oliva

Aversa 30/08/2009

Ormai le strisce blu ad Aversa sono l’argomento del giorno, ovunque non si parla d’altro, gli Aversani finalmente si stanno facendo sentire, speriamo solo che non si facciano fare le solite promesse dai nostri politici con il naso alla pinocchio, bisogna andare fino in forndo i diritti sono diritti e la città è la nostra non del parcheggiatore di turno, personalmente sono anni che sto portando avanti una mia personale battaglia contro questo meschino sistema dei comuni di battere cassa.

Mentre per gli autovelox e i photored truffa la bomba è scoppiata e le migliaia di multe sono state acquisite dalla finanza per i dovuti accertamenti, per le troppe strisce blu non è ancora successo nulla, eppure siamo vicini all’indecenza, basti guardare cosa hanno fatto ad Aversa.

In questi giorni di vacanza ho continuato a lavorare per acquisire tante informazioni sull’argomento, scoprendo su come sia i giudici di pace ma soprattutto la Corte Di Cassazione hanno fatto chiarezza sui diritti fondamentali che i cittadini hanno, richiamando più volte i comuni alla corretta applicazione della legge, purtroppo gli interessi che ruotano intorno a questo business sono troppo alti e nessuno vuole rinunciare alla sua fetta.

Ormai i Comuni sono dei maghi, riescono a verniciare di blu anche posti dove fino a qualche giorno prima vi era un divieto di sosta, l’assurdo è che le strade che sono pubbliche e per far posto alle strisce blu hanno effettuato evidenti restringimenti della carreggiata, il tutto infrangendo il codice della strada articolo 285 D.L. 30 aprile 1992 che al paragrado D cita: Strada urbana di scorrimento: strada a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, ed una eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici, banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate; per la sosta sono previste apposite aree o fasce laterali esterne alla carreggiata, entrambe con immissioni ed uscite concentrate, ora mi spiegate dove stanno le arree di sosta esterne alla carreggiata ad Aversa?
già questo basterebbe per fare ricorso e vincerlo, ma ho scoperto altro è cioè: la Corte Di Cassazione con la sentenza 5954 del 10/05/2000 ha stabilito che una azienda di parcheggio non può pretendere il pagamento del pedaggio senza l’effettiva custodia del veicolo e basta poco per capire che ad Aversa non vi è nessuna custodia del veicolo, anche questo è motivo di ricorso con la vittoria assicurata.

Tutto questo è legge è non parole come quelle del nostro Sindaco Ciaramella continua a dire, inoltre non so da quale parte hanno tirato fuori una strana formula matematica che dice: più posti a pagamento = più posti per i cittadini e più affari per i commercianti?
Sono 45 anni che mio padre ha uno dei negozi storici di Aversa dove anche il Dott.re Ciaramella con il suo studio si approvvigionava del materiale di cancelleria e informatica che gli occorreva e nessuno meglio di un commerciante storico può sapere se le strisce blu stanno portando più clienti come il Dott.re Ciaramella vuole farci credere, vi posso garantire che almeno il 50% dei clienti non è disposto a pagare il grattino per spese inferiori ai € 200,00, costringendoci a fare consegne a domicilio anche per pochi euro con un notevole costo di gestione, che sommato agli aumenti delle imposte locali e alla crisi economica stanno segnando profondamente il commercio di Aversa.

Leggo da più parti che stanno nascendo comitati spontanei contro questo abuso, ebbene invito tutti quelli che fanno parte di questi comitati di mettersi in contatto con me a mezzo mail oliva.giuseppe@yahoo.it per fare fronte comune contro questo abuso, personalmente ho già raccolto 300 firme nel 2008 e portandole al Comune nella speranza di un dialogo ma non è servito a nulla, ripeto ci sono troppi interessi sotto tutto questo anche di persone che fanno parte dell’amministrazione comunale e a meno di una denuncia alla magistratura non vedo sbocchi per un dialogo, inoltre all’indirizzo http://www.firmiamo.it/aboliamolestrisceblu è possibile firmare una petizione on line con possiblità di inserire anche dei commenti sulle strisce blu, inoltre il sindaco si è iscritto a FACEBOOK allora perchè non aggiungerlo agli amici e dirgli cosa ne pensiamo delle strisce blu..

le troppe strisce blu ad aversa

L’arroganza delle istituzioni.

agosto 6, 2009

Aversa 06/08/2009

Giuseppe Oliva

L’arroganza delle istituzione ad Aversa è assurda, è dal 1999 che le strisce blu continuano ad aumentare di numero e di prezzo, le continue promesse fatte dalle varie amministrazioni sui famosi abbonamenti per i residenti e i commecianti sono state puntualmente disattese è questi sono fatti inconfutabili, mi chiedo quindi come sia possibile che il sindaco Ciaramella si permete l’arroganza di bacchettare e accusare di strumentalizzazione politica i residenti o chi fomenta non so quale rivolta, la verità è che non ha più argomenti per convincere i cittadini che quello che sta facendo e nel loro interesse e non per far quadrare i bilanci comunali, penso che lui stesso debba passarsi la mano per la coscienza e rendersi conto che dopo tutto quello che non ha fatto nel suo ultimo mandato deve pur capire la rabbia dei suoi concittadini, è se casomai c’è stato un difetto di comunicazione come Della Valle paventava è stato da parte del comune, perchè nulla ha comunicato ai cittadini su come verrà gestita la sosta a pagamento sia in termini di prezzo che di divisione dei posti auto, ormai è evidente che prima o poi dopo lo scandalo degli autovelox ci sarà anche quello delle strisce blu abusive.

Ormai stiamo vivendo in stato di regime dove chi sta al potere decide e chi l’ho ha votato deve subire senza poter dire nulla.

Quando un’ammnistrazione perde di consensi in maniera cosi evidente può solo fare marcia indietro e chiedere scusa a chi gli ha dato il voto e riaprire un dialogo per il bene di tutti.img_0408.JPG

Ennesima emergenza crimilanità ad Aversa.

agosto 6, 2009

Giuseppe Oliva

06/08/2009

Ennesima emergenza criminalità ad Aversa, nella notte in Via Diaz n° 51 delinquenti armati di martello hanno tentato di sfondare il vetro della gioelleria Golino, per fortuna senza riuscirci, questo è l’ennesimo evento che conferma quanto sia diventata pericolosa la città di Aversa e come la nostra amministrazione sia lontana dal riprendersi il controllo del territorio.

Purtroppo è un susseguirsi di emergenze dai rifiuti alle risse, dai parcheggi alle strade rotte, dalla prostituzione in Piazza Mazzini che da quando è stata rinnovata sembra attrarre solo prostitute e loro clienti, alla faccia del biglietto da visita per i turisti, la cattiva amministrazione di questi anni ha fatto precipitare Aversa in un luogo invivibile dal quale scappare, raccolgo quotidianamente solo lamenti verso l’amministrazione Ciaramella sia da commercianti che residenti il grido è unanime: siamo stanchi di essere trattati così andate a casa, queste le parole che i miei concittadini esprimono all’amministrazione.

Emergenza criminalità ad aversa tentativo di rapina nella notte

img_0407.JPG

Autovelox, in Campania 200 indagati per truffa.

agosto 5, 2009

Giuseppe Oliva

05/08/2009

Finalmente qualcuno si è accorto degli illeciti che i comuni stavano perpetrando ai danni dei cittadini tramite gli autovelox truccati, questa è l’ennesima dimostrazione di quanto i nostri amministratori locali siamo pronti a tutto per far quadrare i bilanci comunali, purtroppo la loro incapacità di gestione ha portato i conti in rosso e con le multe facili ci hanno preso gusto.

Ora resta una battaglia da combattere ancora, quella contro le troppo strisce blu che i comuni stanno piazzando un pò ovunque, allo scopo è stata aperta una petizione on line su http://firmiamo.it/aboliamolestrisceblu invito tutti a firmare e far girare il sito, i comuni a corto stanno facendo le strisce blu anche dove fino a giorni prima vi erano i divieti di sosta è un fatto grave che bisogna fermare.

Maxi sequestro da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Caserta e della polizia stradale degli autovelox posti da 33 comuni del Casertano su un terzo delle strade della provincia. Denunciate oltre duecento persone, tra cui molti sindaci, comandanti di polizia municipale e gli assessori coinvolti nella vicenda e i titolari di tre società per l’installazione dei macchinari per il rilevamento di infrazioni al codice stradale.

L’operazione è condotta dal comando della compagnia dei carabinieri di Capua e della Polizia stradale di Caserta in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Le indagini, poi sfociate nell’emissione del decreto, hanno avuto per oggetto il rilevamento delle infrazioni attraverso autovelox, photored o altri macchinari simili. L’indagine ha evidenziato un sistema “creato dai Comuni e dalle società che, in violazione di legge, rappresentava un modo di facile, ingiusto e rilevante profitto”.

Le condotte contestate ai più di 200 indagati riguardano le modalità di affidamento del servizio da parte dei Comuni alle ditte private, la non corretta indicazione in bilancio delle somme provento delle sanzioni, le illecite modalità di rilevazione delle infrazioni. Ed ancora, l’omessa comunicazione alle competenti autorità delle infrazioni per il decurtamento dei punti e illeciti nel trattamento dei dati personali.

I reati contestati riguardano la truffa, l’abuso d’ufficio, la turbata libertà degli incanti, la falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici, il rifiuto e l’omissione di atti d’ufficio. E poi, la soppressione, la distruzione e l’occultamento di atti veri, la violazione del codice della privacy per il trattamento dei dati personali.

Strisce blu i residenti di aversa si ribellano.

agosto 1, 2009

Giuseppe Oliva

01/08/2009

Ormai la bomba è scoppiata e ad Aversa i cittadini si stanno facendo giustizia da soli, nella zona sud appena l’amministrazione ha deciso di fare le strisce blu anche lì, sono scesi in campo armati di pittura e pennelli ricoprendo le strisce blu di bianco.

Il fatto è molto grave perchè fa capire quanto l’amministrazione Ciaramella è sorda nei confronti di chi gli ha dato il voto per ben 2 volte permettendogli di amministrare fino ad ora, nonostante i molti problemi mai risolti.
Cominciamo dalla raccolta differenziata mai attuata, tanto da essere rientrati nella lista dei comuni che il Sig. Bertolaso ha disposto lo scioglimento. La sicurezza, la pulizia delle strade, le tasse e i tributi locali sempre in aumento e la cosa più grave la mancanza di dialogo con i cittadini da parte del Sindaco.

Gli uomini si ricordano anche per quello che hanno fatto e quando un Sindaco lascia la carica, se ha lavorato bene e onestamente viene ricordato con affetto e stima da tutti, ma nel caso del Sindaco della nostra città è molto difficile, perchè non c’è una sola cosa che vale la pena di ricordare e apprezzare. L’amministrazione ha iniziato tanti lavori lasciati incompiuti, per non parlare delle tante promesse fatte e mai mantenute.
Incominciamo con le tante aiuole fatte e non manutenute, dello scempio di Piazza Mazzini non ancora ultimata e lasciata nel degrado più assoluto, delle tante piante messe un pò ovunque facendo dei fori sui marciapiedi e divenute solo un ricettacolo di immondizia e un orinatoio per i cani, dei tanti cani randagi che girano per Aversa imbrattando le strade nell’indifferenza dell’amministrazione che è nella persona del Sindaco Ciaramella, responsabile in prima persona dei problemi che gli stessi possono provocare alle persone, delle strade ridotte un colabrodo senza manutenzione da anni, Via Roma sta sprofondando ed è quasi divenuta impraticabile sia a piedi che con l’auto infatti da interviste ai residenti della zona si parla di continue cadute più o meno gravi ai danni quasi sempre di persone anziane. Il pericolo per i ciclisti che nel tentativo di essere ecologici incappano in continue cadute per le buche presenti sulle strade finendo al pronto soccorso.
E non finisce qui: il famoso spartitraffico su Viale Kennedy costato una fortuna si parla di 80.000,00 €uro solo di progetto, una vera rapina se si pensa che nel progetto mancava anche la segnaletica luminosa, in ultimo facciamo un giro nel centro storico di Aversa per visitare non le tante chiese o i ristoranti, ma le discariche presenti un pò ovunque. Insomma con questo quadro non tanto confortante direi che come cittadino Aversano mi vergono della mia città e spero che il grido dei cittadini questa volta venga ascoltato.

La rivolta dei cittadini di AVERSA CONTRO LE STRISCE BLU