Aversa, 200 cittadini diffidano il Sindaco Ciaramella al rispetto del C.d.S..

STRISCE BLU ILLEGALI

Aversa

23/01/2010

In questi mesi il Sindaco Ciaramella ha continuato a dire che questo piano parcheggi è sperimentale chiedendo ai cittadini di suggerire eventuali modifiche da apportare.

Bene i cittadini di Aversa hanno fatto di più, consegnando oltre 150 richieste indirizzate al Sindaco Ciaramella a mezzo del difensore civico che hanno un contenuto molto semplice, il rispetto del Codice della Strada nello specifico è stato chiesto:

a) Violazione dell’art.7 comma 6 del C.d.S che indica la costruzione dei parcheggi al di fuori della carreggiata, confermato anche dal D.lgs n. 360 del 10 settembre 1993 che ha elmitato il termine “possibilmente al di fuori della carreggiata” previsto fino al 1992, per questo si richiede l’immediata rimozione di tutti gli stalli di sosta presenti sulla carreggiata.

b) I verbali emessi fino ad ora contestano la presunta violazione dell’art. 157 comma 6 e 8 riguardante la mancata esposizione del disco orario dove la sosta è limitata nel tempo, non avendo attinenza con la sosta a pagamento che è regolamentata dall’art. 7 del C.d.S., per questo si richiede l’annullamento di tutti i verbali emessi oltre alla sospensione di qualsiasi procedimento di recupero per quelli già emessi.

c) Discriminazione di trattamento in ambito di distribuzione dei posti riservati ai residenti, poiché in alcune zone sono stati riservati stalli di sosta per i residenti a titolo gratuito mentre in altre zone sono stati rifiutati anche gli abbonamenti agevolati, per questo si richiede o la rimozione dei posti riservati ai residenti oppure equità di trattamento riservando a tutti i residenti posti auto non a pagamento.

d) Violazione delle norme di comportamento contenute nella circolare ministeriale n° 1525 del 28/09/1981, la circolare vieta di riservare posti auto per interessi particolari, mentre ad Aversa addirittura è stato previsto l’esonero dal pagamento della sosta su tutto il territorio comunale per gli amministratori comunali assessori e consiglieri compresi, inoltre si notano posti riservati fuori le banche e alberghi oltre a quelli riservati sotto il comune.

e) Dimensione degli stalli di sosta in moltissimi casi inferiore ai 2 mt di larghezza x 4,75 di lunghezza, rendendo poco sicure le manovre di parcheggio, si allega uno schema di dimensioni minine “fonte ministero dei lavori pubblici”, per questo si richiede l’immediato ridimensionamento degli stalli di sosta come previsto nel regolamento del ministero dei lavori pubblici.

f) Dimensione stalli di sosta per i disabili non conformi a quanto previsto dal D.P.R. 16 settembre 1996, n° 503, si allega uno schema “ fonte ministero dei lavori pubblici”, per questo si richiede l’immediato adeguamento degli stalli.

g) Mancata divisione degli stalli di sosta, rendendo impossibile un conteggio per una verifica del numero di stalli realizzati, per questo si richiede l’immediata divisione secondo le misure previste dal ministero dei lavori pubblici.

Vi invito a far accogliere all’amministrazione le richieste entro 15 giorni dal ricevimento della presente, in caso contrario trasferiremo agli organi competenti la documentazione per accertare eventuali responsabilità a carico dell’amministrazione oltre a quantificare eventuali danni derivanti dal mancato rispetto delle norme del C.d.S.
—————————————————————————————————————————-

Le richieste dei cittadini sono legittime è vanno accolte, ora sta al Sindaco Ciaramella procedere con questo piano parcheggi illegale al 100% redatto da qualche dirigente non molto preparato in materia oppure decidere di annullarlo e insieme a noi del COMITATO ANTI STRISCE BLU redigere un nuovo piano traffico che tenga conto non solo del territorio e i suoi abitanti ma soprattutto delle norme del Codice della Strada.

Il Sindaco in un’intervista rilasciata a TELECLUBITALIA ha liquidati i cittadini rimandando gli stessi al T.A.R. per un ricorso.

Troppo facile parlare in questo modo, tanto chi ci rimette in questo modo sono i cittadini che per colpa sua sono costretti a spendere 1.000 euro per presentare un ricorso contro un piano traffico illegale, di prove ne sono state fornite anche troppe, ora sta alla magistratura prendere i provvedimenti contro questa vera è propria truffa ai danni dei cittadini di Aversa.

Le denunce saranno dirette solo contro chi nonostante le prove fornite e le diffide dei cittadini continuerà a portare avanti questo piano parcheggi.
STRISCE BLU ILLEGALI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...